Link

Altre Squadre

Contattaci

Partita di Venerdì 13 Novembre 2015

Parziali
1° quarto : 21-17
2° quarto : 17-20
3° quarto : 16-3
4° quarto : 5-19
Overtime : 9-11
Squadra in casa: Dealers Bk Club
Squadra fuori casa: A.S.D. Roosters
Sede: Palestra Mantegna - Piazzale Friuli - CITTADELLA (PD)
Ora: 21:15
Risultato: 68-70
Trasferta in quel di Cittadella, sede del Dealers Tombolo che incontriamo per la prima volta, dal momento che fino allo scorso anno militavano nel girone di Padova. Squadra esperta questa di Tombolo, con interpreti che giocano a memoria, dopo i tanti incontri giocati assieme, non molto atletica ma molto capace al tiro con un paio di giocatori sopra la media nelle percentuali realizzative. Questo si sa, questo dobbiamo affrontare, consapevoli che solo un grande impegno da parte di tutti potrà permetterci di far nostra la gara, continuando così quella rincorsa al vertice che tutti vogliamo. Inizia la partita e subito ci si rende conto che sarà dura, molto dura. I nostri ragazzi partono con il freno a mano tirato. Dobbiamo correre, correre e correre diceva coach De Mattini nel pre-gara. Ma si corre poco, si sbaglia molto al tiro, si lascia troppa libertà all'avversario. E i locali ringraziano e ne approfittano. La fine del primo quarto li vede avanti di quattro. Piccola rimonta all'inizio del secondo quarto, ma poi si ricomincia a sbagliare; tanti i tiri presi che, un pò per sfortuna, un pò per idee annebbiate ( vedi forzature ), non entrano. Ma anche i locali hanno i loro problemi, e, anche se giocano meglio, non riescono a creare il break. Arriva la sirena di metà partita e con essa un brutto infortunio ad uno dei nostri giovani, che lo relegherà in panca per tutto il resto della gara e, impressione personale, anche per un paio di altri incontri come minimo. Il tabellone dice meno 1 per i Galletti, partita apertissima dunque. Se giocando come abbiamo fin qui fatto, abbastanza male in verità, siamo praticamente alla pari, basta migliorare di poco e l'incontro potrà essere nostro. Con questa convinzione comincia il terzo periodo, ma purtroppo la squadra non c’è con la testa. Continuiamo con gli stessi errori, con le stesse disattenzioni, con poche idee e tanta confusione. Insistiamo con tiri forzati, penetriamo con estrema difficoltà e quando ci riusciamo sciupiamo banalmente palloni su palloni. Il terzo periodo termina con i biancorossi sotto di "brutto" e possiamo senz'altro dire che è stato il peggiore quarto mai visto in questa annata, solo tre i punti realizzati dai nostri a fronte dei sedici realizzati dai padroni di casa. L'inizio dell’ultimo quarto è sconsolante ma la squadra combatte, dalla panchina, come mai finora, giungono incoraggiamenti continui ai cinque in campo. E toccato il fondo, meno 15 a sette minuti dalla fine, inizia la risalita, due triple consecutive e un bel contropiede, dimezzano lo svantaggio galvanizzando i Galletti, che cominciano finalmente a giocare con molta più convinzione. Raddoppi in difesa, corsa, spirito di squadra e di sacrificio, tiri ben costruiti che finalmente entrano. E la partita diventa una "gara" per cuori forti. Così, punto dopo punto, si arriva a 26 secondi dalla fine con un canestro dei biancorossi che vale il meno tre. I Dealers perdono poi malamente palla in attacco e time out immediato del coach dei Galletti con precise istruzioni per tentare la tripla del pareggio. Chi fino a quel momento non aveva brillato , in serata no per capacità realizzativa, si trova tra le mani un pallone che "scotta" e dimostrando degli "attributi" non indifferenti si prende la responsabilità di un tiro da tre. E lo realizza. Pari e sette secondi da gestire per approdare ad un extra time insperato ma meritato per quei sette minuti giocati da grande squadra, con un cuore enorme. Coach De Mattini chiede il terzo e ultimo time-out per riordinare le idee e dare le ultime istruzioni. Guardando gli occhi dei nostri si vede la "concentrazione", la voglia di fare ogni sacrificio e la decisione a non mollare. E non mollano. La sirena finale arriva a togliere ogni speranza alla squadra di casa: 59 a 59 e palla al centro. Ma adesso è un'altra musica. Il buono e il cattivo finora visto non valgono più, spariti, cancellati. In cinque minuti ci si gioca tutto. E allora giochiamo. Altra musica si diceva, e altra musica si suona nel supplementare, che vede i Galletti sempre avanti fino al fischio finale che sancisce il 70 a 68 per gli ospiti, ovviamente felici. I padroni di casa, frastornati, ancora non ci credono. Perdere una gara condotta in testa per 39 minuti e 53 secondi fa male, molto male, e noi ne sappiamo qualcosa (chi non ricorda il ritorno con l'Argine della scorsa stagione?) Ma questo è lo sport, questo è il basket, Complimenti agli avversari, squadra solida, si toglieranno molte soddisfazioni. E complimenti anche ai nostri, ma dopo una robusta tirata d'orecchi. Non si può soffrire in quel modo e poi far vedere la vera forza della squadra solamente quando si hanno le spalle al muro, dobbiamo cominciare a "giocare" dal primo minuto, non dal 33mo e oltre. Al termine dell’incontro ci comunicano gli accadimenti di Parigi e appresa la notizia di quei tremendi fatti di sangue non c'è più molta voglia di gioire, di festeggiare, di parlare di vittorie. Tutta la nostra solidarietà alle famiglie delle vittime e a tutti i francesi.
commento di Anonimo
maglia giocatore tiri liberi tiri da 2 tiri da 3 palle perse palle rubate rimbalzi assist falli fatti falli subiti punti
5 Fabio Ferrari 0/0 1/2 0/0 0 1 1 1 4 1 2
6 Federico Secco 0/0 0/1 0/1 0 1 1 1 0 0 0
8 Roberto Zironda 1/4 3/7 1/6 5 2 1 2 2 2 10
9 Leonardo Franzina 3/7 5/12 0/0 3 5 5 0 1 6 13
10 Giuseppe Cozzolino 3/4 0/2 0/0 3 0 9 2 2 2 3
12 Riccardo Ferrari 0/0 1/2 0/1 1 3 3 2 2 2 2
14 Alessandro Zadra 1/4 0/1 3/5 2 2 1 0 5 3 10
18 Marco Piccoli 0/0 0/1 0/0 0 0 3 0 2 0 0
19 Cesare Sperotto 3/4 1/4 0/0 0 1 9 0 0 3 5
20 Gianluca Bolzani 0/2 1/5 2/3 6 2 2 5 5 3 8
22 David Bertoldo 2/6 6/15 0/1 2 4 13 2 5 5 14
23 Renzo Volpato 1/2 1/3 0/1 0 2 0 0 2 2 3
TOTALE 14/33 19/55 6/18 22 23 48 15 30 29 70
42% 35% 33% avv. 55